Musei Universitari Unimore
Ti trovi qui: HomeProgetto 2014

LA RETE NAZIONALE DEI MUSEI UNIVERSITARI PER L’ORIENTAMENTO PERMANENTE AL METODO E ALLA CULTURA SCIENTIFICA

La rete nazionale dei Musei Universitari ha progettato di assumere il ruolo di sede privilegiata per la realizzazione di percorsi formativi-educativi per l’orientamento permanente al metodo e alla cultura scientifica (secondo le “Linee Guida Nazionali per l’orientamento permanente, MIUR R.U. prot. n. 4232 del 19/02/2014), con specifica attenzione al metodo comune a tutte le discipline scientifiche, grazieá al patrimonio e alle competenze connaturate ai musei stessi.

Obiettivo generale

I percorsi percorsi per l’orientamento al metodo e alla cultura scientifica che verranno realizzati si fonderanno sulla primaria natura delle scienze della vita che risulta basata sulla conoscenza induttiva e quindi sulla sperimentazione con l'esaltazione del ruolo del laboratorio. I Musei laboratorio sono una delle forme dei Musei Scientifici di nuova generazione e sempre pi¨ assumono la funzione di ásupporto ad una didattica che, affidandosi non solo alle parole, ma anche all'osservazione ed alla esperienza diretta, pu˛ svolgere anche un ruolo di orientamento per i giovani.

I percorsi formativi/educativi si collegheranno a quelli organizzati dai servizi orientamento delle diverse UniversitÓ (come previsto anche dalla risoluzione del Consiglio d’Europa n. 15030 del 2008 - EDUC 257, SOC 653 secondo la quale l’orientamento permanente deve essere integrato maggiormente nelle strategie di apprendimento permanente).á

Tali percorsi formativi sono specificamente organizzati per le scuole e destinati a dirigenti e tutor scolastici, a insegnanti e studenti, non solo delle scuole medie superiori, in particolare delle classi IV e V, ma anche delle scuole medie.

á

Il progetto Ŕ stato approvato:áhttp://attiministeriali.miur.it/anno-2015/febbraio/dd-10022015.aspx

á

Coordinamento nazionale: Elena Corradini, UniversitÓ degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Consulente scientifico: Luigi Campanella, UniversitÓ degli Studi di Roma "La Sapienza"

á
á